ELENA D’ANGELO COMPAGNIA D’OPERETTE

Compagnia d'Operette Elena D'angelo 
 Fondata nel 2014,  la Compagnia di Operette Elena D'Angelo                                                                                                                                                                                                                                                                         ha già ottenuto larghi consensi in importanti teatri italiani quali:  TEATRO SAN BABILA DI  MILANO                                                                                                                                                                                          (protagonista del 1° festival dell'operetta 2015/2016,  2°festival 2016/17, 3° festival  2017/18),

ECCO ALCUNI TEATRI DOVE LA COMPAGNIA E' STATA OSPITATA : TEATRO COMUNALE DI VERCELLI, TEATRO COMUNALE DI ATRI, TEATRO MAGNANI DI FIDENZA,FESTIVAL DELL'OPERETTA DI NERETO, TEATRO CONDOMINIO DI GALLARATE, TEATRO MARRUCINO DI CHIETI, TEATRO ORFEO TARANTO, TEATRO GIUDITTA PASTA SARONNO, TEATRO PERSIO FLACCO DI VOLTERRA,TEATRO COMUNALE DI LIMBIATE,TEATRO AGORA' DI CARATE,TEATRO DEL CENACOLO DI LECCO,FESTIVAL DELL'OPERETTA DI CEVIO(CH),TEATRO MASINI DI FAENZA,TEATRO FABBRI DI FORLI',TEATRO ROSSINI DI PESARO,TEATRO MAGGIORE DI VERBANIA

Mette in scena produzioni curate nei minimi particolari, nel rispetto della filologia dello spettacolo, ma con una particolare attenzione al gusto del pubblico  di oggi, con eleganti allestimenti, l'uso della musica dal vivo, la presenza di un corpo di ballo formato da 6 ballerini,  14 artisti professionisti, 14 orchestrali e apparato tecnico.

ELENA D'ANGELO             soubrette/ regia

Allestimento e Costumi Grandi Spettacoli

 

 

 

LA VEDOVA ALLEGRA 

Il Barone Zeta, Ambasciatore del Pontevedro a Parigi, riceve un ordine  tassativo dal proprio governo: la signora Anna Glavari, giovane vedova  del banchiere di corte, deve a tutti i costi risposarsi con un compatriota.  Infatti se dovesse passare a seconde nozze con uno straniero, il suo  capitale, valutato 100 milioni di franchi, abbandonerebbe la Banca  Nazionale Pontevedrina e, per la “Cara Patria”, sarebbe la rovina  economica.                                                                                                                                                                   Il Barone Zeta, coadiuvato da Niegus (cancelliere un po’ pasticcione),  tenta di convincere il Conte Danilo Danilowich, segretario  all’Ambasciata di Parigi, a sposare la ricca vedova.                                             Danilo però non ne vuole sapere perché, fra lui ed Anna c’è già stato del “tenero” prima che lei sposasse il banchiere Glavari; ed ora Danilo, ferito  nell’orgoglio, non vuole assolutamente ammettere di essere ancora  innamorato di Anna.                                                                                                                                              Da parte sua la vedova, pur amando Danilo, non lo vuole dimostrare fa di tutto per ingelosirlo. Durante una festa che Anna organizza nella sua villa, sia per vedere le reazioni di Danilo e sia per salvare l’onore della moglie del barone Zeta,  ella dichiara a tutti gli invitati che intende sposare un francese: il sig. Camillo De Rossillon. Danilo furioso abbandona la festa. Tutto sembra perduto, ma Niegus, più per caso che per merito, riesce sciogliere l’equivoco e a far confessare ad Anna e Danilo il loro amore  reciproco.

Riduzione in forma scenica per 6 personaggi e pianista